Parodontologia

La Parodontologia è curata dalla dr.ssa Ucci, che si occupa delle visite, della pianificazione terapeutica e della terapia chirurgica. E’ coadiuvato dalla dr.ssa carrara e dalla dr.ssa Previtali per la raccolta dati, per la terapia non chirurgica e per la motivazione, istruzione e igiene orale sopragengivale.

La dr.ssa Ucci si avvale inoltre della collaborazione esterna dei più valenti paradontologi italiani specializzati ed esperti nelle singole tecniche chirurgiche parodontali come il dr. Federico Gualini di Bergamo, il professor Leonardo Trombelli dell’Università di Ferrara ed il dr. Carlo Tinti di Flero (Brescia).

La parodontite è una malattia che colpisce i tessuti di supporto dei denti (osso e gengive). Può manifestarsi con sanguinamento gengivale, ascessi, mobilità e migrazioni dei denti, retrazioni gengivali, alitosi. E’ favorita dalla cattiva igiene orale, dalla familiarità, dal fumo, da alcune malattie come il diabete.

La terapia causale è la prima, indispensabile, tappa terapeutica. Si fonda sulla ottimizzazione dell’igiene orale domiciliare, sulla correzione degli stili di vita (es. fumo), e sulla rimozione non chirurgica dei microbi dalle superfici radicolari (levigatura radicolare). In alcuni casi specifici, è necessario associare terapia farmacologica sistemica o locale.

A volte si rende necessaria la terapia chirurgica che spazia dalla chirurgia resettiva, mirata ad eliminare difetti ossei e tasche, alla chirurgia rigenerativa, mirata a ricostruire i tessuti di supporto dei denti (osso e attacco), alla chirurgia mucogengivale, mirata a ricostruire i tessuti di rivestimento (gengive).

La terapia di mantenimento è la terza, indispensabile componente della terapia parodontale: richiami regolari, individualizzati a seconda delle necessità, di igiene orale, rimotivazione e monitoraggio per mantenere stabili nel tempo i risultati ottenuti con la terapia.

La parodontologia si occupa anche di molte altre problematiche fra cui quelle legate all’estetica, alla funzione fonatoria, alla esecuzione corretta di restauri protesici, alla ottimizzazione di terapie implantari.

Rapporti con la terapia conservativa: a volte per effettuare un otturazione perfetta è necessario spostare gengive e osso. Questo accade quando la carie (o una frattura) si estendono profondamente nei tessuti parodontali, avvicinandosi all’osso alveolare (allungamento di corona).

Ottimizzazione delle ricostruzioni protesiche, mediante il riallineamento dei profili gengivali (chirurgia resettiva) o la ricostruzione dei tessuti in zone dove sono stati persi elementi dentali (correzione di selle edentule).